Tel: +39.011.517.85.99 r.a. 
   studio@avvocatocarena.it 

  

 

Un mio cliente mi ha riferito che una illuminata impresa trentina, di cui egli è agente plurimandatario, per essere vicina alla propria rete distributiva in questo mese di totale blocco delle attività, di assoluta mancanza di ordini e quindi in cui non maturano le provvigioni, ha autorizzato tutti i suoi  agenti ad emettere una fattura di euro 2500 per il mese di marzo quale anticipo provvigionale.

 

Mi sembra un’iniziativa lodevole e degna di pubblicità: in tal modo sono i privati che finanziano,  almeno fino a fine anno e senza interessi e senza condizioni e senza altri paletti,  i professionisti iscritti ad una casa privata (per gli agenti : Enasarco), sostituendosi in questo modo allo Stato inetto e alle Casse private (che sono parificabili allo Stato quando hanno da prelevare, ma sono assolutamente inesistenti quando hanno da dare).

 

Lodevole iniziativa che, se fosse estesa anche ad altre situazioni - ad esempio ovunque sia previsto il versamento di acconti sulle parcelle  (in modo ricorrente come ad esempio nel caso di consulenze continuative, o meno) - risolverebbe molte situazioni critiche di liquidità  in questo difficile periodo: senza la necessità di lamentare la mancanza della elemosina dei 600 € statali, cui peraltro i professionisti sono esclusi per definizione perché iscritti a case private che non intendono aderire a tale iniziativa.

 

Per l’impresa privata si tratta solo di un’anticipazione entro il medesimo esercizio e per qualche mese di costi futuri, di cui si terrà necessariamente conto e che rientreranno nel conguaglio di fine anno; ma per il professionista si tratta di un finanziamento di liquidità cash per il periodo emergenziale di non poco conto!

 

10128 Torino - Corso G. Ferraris, 63 - Tel. 39.011.517.85.99 r.a. - Fax 39.011.518.46.49 - P.Iva 08779520017
20122 Milano